Tachigrafo intelligente: l'azione di ANITA e Continental post-obbligoSeminari e spiegazioni tecniche per questa fase di entrata in vigore



Sono le prime settimane in cui le flotte di mezzi pesanti sono chiamate a confrontarsi con l'introduzione obbligatoria del tachigrafo intelligente sui veicoli di nuova immatricolazione, segnata nel calendario dell'Unione Europea per la data del 15 giugno scorso (cfr. Regolamento UE 165/2014).

Pur se annunciata, l'entrata in vigore della disposizione di cui sopra ha indotto gli addetti ai lavori a organizzare incontri di approfondimento sul tema. Come il seminario organizzato a Bologna da ANITA (Associazione Nazionale Imprese Trasporti Automobilistici).

(descrizione)L'organizzazione confindustriale ha colto l'occasione per ritornare sulle intese raggiunte dall'Italia nel dicembre scorso in sede di Consiglio dei Ministri europei del settore Trasporto, formulando l'auspicio che nell'autunno prossimo sia confermato e mantenuto quanto inserito all'interno del cosiddetto Pacchetto Mobilità con riferimento al passaggio, a partire dal 2022 e con margine di adeguamento al 2024 ('retrofitting'), al tachigrafo intelligente di seconda generazione per i veicoli impiegati nelle consegne internazionali. 

Nell'attesa che avvenga, sono sempre di più nel nostro Paese i centri tecnici abilitati per operare con le nuove carte legate al dispositivo. All'incontro di Bologna si è parlato di 133 unità dislocate pressoché capillarmente sul territorio nazionale.

Il seminario proposto da ANITA è valso a tratteggiare, in forma completa ed esaustiva, il profilo dell'innovazione introdotta. Il compito di chiarire i principali punti sul sistena di registrazione divenuto obbligatorio è spettato a figure esperte sul piano tecnico e giuridico. 

(descrizione)

Un supporto importante, il loro, che ha trovato eco, sin dai primissimi minuti successivi all'entrata in vigore della nuova regolamentazione, nell'azione di un'azienda come Continental che, con il suo brand VDO, si è fatta trovare pronta con largo anticipo rispetto all'obbligatorietà del tachigrafo intelligente, avendo ultimato il processo di approvazione del suo DTCO 4.0 ben prima della scadenza fissata. 

Nello specifico l'azienda ha tenuto a ricordare la necessità di aggiornamento sia degli strumenti di download e sia del software gestionale legato all'attività di fleet management, parte dell'upgrade richiesto alle apparecchiature periferiche.

L'intervento di cui sopra è funzionale a garantire la compatibilità con la nuova tecnologia per la crittografia associata al tachigrafo intelligente. Consentirà al contempo il rispetto costante delle disposizioni legali connesse all'archiviazione e al salvataggio dei dati di driver e soluzioni inserite nel parco veicolare.    

"Gli aggiornamenti sono necessari non appena un singolo veicolo in una flotta ha a bordo il DTCO 4.0 - ha sottolineato Marcello Lucarelli, Head of Tachograph, Telematics & Services di Continental -. Supportiamo i gestori di flotte in queste operazioni con le attrezzature, i servizi e il know-how" che servono per ottemperare alla nuova regolamentazione introdotta.

(descrizione)

Le caratteristiche del DTCO 4.0 di Continental si adattano in pieno alla recente svolta tecnologica:

  • possibilità di controlli del mezzo più mirati grazie al DSRC (Dedicated Short Range Communication), standardizzato per integrare la modalità di controllo da remoto;
  • registrazione automatica dei dati di posizione del veicolo attraverso il sistema globale di navigazione satellitare (GNSS), consultabile attraverso apposita interfaccia;
  • disponibilità di interfaccia ITS (Intelligent Transportation Systems) standardizzata per la consultazione di informazioni utili a un efficientamento gestionale della flotta (per la maggior parte dei dati, classificati come 'personali', serve però l'autorizzazione del conducente);
  • resistenza rispetto ai tentativi di manomissione;
  • maggiore trasparenza in fase di utilizzo.

Il tachigrafo intelligente  DTCO 4.0 si presta all'integrazione con altre applicazioni. Serve tuttavia che i dati protetti siano condivisi con altri sistemi per l'elaborazione dei dati.

Informazioni specifiche sul prodotto sono disponibili al'interno della seguente nota aziendale.

Partner