Codice della strada: cosa cambia da mercoledì 10 novembrePiù strette, obblighi e più sanzioni per i trasgressori


Dai monopattini ai fogli rosa, dai parcheggi ai passeggeri senza casco. Da oggi, mercoledì 10 novembre, entrano in vigore le nuove norme del codice della strada. Il nuovo Decreto Infrastrutture (Legge 9 novembre 2021, n. 156) ha previsto un sostanzioso aggiornamento che coinvolge tutto il popolo della strada. Sono stati modificati infatti ben 40 articoli del Codice. Decisione importante e fondamentale questa stretta che arriva dall’alto per preservare la sicurezza stradale.

Per iniziare, sarà vietato l’utilizzo di smartphone, tablet e tutti i “dispositivi analoghi che comportino anche solo temporaneamente l’allontanamento delle mani dal volante. Sanzioni da 168 a 672 euro (in aumento rispetto alle precedenti: da 84 a 335 euro) per chi parcheggia nelle aree di sosta per disabili. Inoltre, da gennaio questi ultimi potranno parcheggiare gratuitamente sulle strisce blu.

Nel codice della strada si parla anche di “parcheggi rosa”, facilmente riconducibili alle donne in stato di gravidanza o a genitori con figli fino a due anni.

Una stretta anche a chi non indosserà il casco a bordo di veicoli a due ruote. Secondo le nuove norme infatti la sanzione scatterà a prescindere dall’età (prima veniva multato esclusivamente il guidatore in presenza di minore senza casco).
Ed ecco le tanto attese regole sui nuovi mezzi della strada. Obbligatorie le frecce, gli stop e i freni a bordo di monopattini. Sarà possibile mettere in regola i modelli che ne sono sprovvisti entro il 1° gennaio 2024. Inoltre, i monopattini non potranno superare i 6 km/h di velocità durante il transito nelle aree pedonali, non potranno sostare ne circolare sui marciapiedi eccetto in caso di deroghe emanate dal Comune di riferimento.

Nuovi obblighi di condotta in prossimità di strisce pedonali. Gli automobilisti dovranno dare la precedenza anche ai pedoni che sono in procinto di attraversare la strada.
 Buone notizie per chi invece si candida a ottenere la patente di guida. La validità del foglio rosa è stata estesa dai 6 ai 12 mesi (prima erano sei). Sarà possibile ripetere l’esame di guida per la patente B tre volte, e sono previste sanzioni per chi si esercita senza l’istruttore da un minimo di 430 euro a un massimo di 1.731 euro e e fermo amministrativo del veicolo per tre mesi. Previsto un contributo per il conseguimento della patente: fino mille euro per i giovani under 35 anni, per chi riceve reddito di cittadinanza o ammortizzatori sociali.

Le novità riguardano anche i clienti delle società di noleggio. Saranno loro a pagare le infrazioni commesse mentre sono alla guida. Le stesse imprese di noleggio forniranno alle autorità le generalità del sottoscrittore del contratto di locazione affinché il verbale venga notificato al responsabile dell’infrazione.
In fine, saranno installate delle telecamere su passaggi a livello per accertare un eventuale attraversamento e per il rilevamento automatico delle violazioni.